repressione

Ciò che è vivo non ha copie

Una dietro l’altra, le baracche formavano strade ampie e dritte. La ferocia disumana dell’enorme lager si esprimeva in quella regolarità perfetta.
Le izbe russe sono milioni, ma non possono essercene – e non ce ne sono – due perfettamente identiche. Ciò che è vivo non ha copie. Due persone, due arbusti di rosa canina, non possono essere uguali, è impensabile… E dove la violenza cerca di cancellare varietà e differenze, la vita si spegne.
Vasilij Grossman, Vita e destino, Adelphi

Parassitismo

Brodskij non attende ai doveri del cittadino sovietico riguardanti la produzione dei beni di consumo e di uso personale, cosa che si evince dal fatto che ha spesso cambiato occupazione. Era stato avvertito in tal senso dalla milizia nel 1961 e nel 1962 e in tali occasioni prometteva di trovare un lavoro stabile, ma ciò non avvenne e continuò a leggere e scrivere e recitare durante delle serate i suoi versi decadenti. Dalla relazione della commissione per il lavoro con i giovani letterati si evince che Brodskij non è un poeta. Lo hanno giudicato i lettori del giornale “Vecernyj Leningrad”. Per questo motivo la corte applicando il decreto 4 maggio 1961 stabilisce di inviare Brodskij al confino per cinque anni dove dovrà lavorare in modo stabile.

Sentenza del processo contro Iosif Brodskij per parassitismo, tenuto a Leningrado nel 1964. Trentatré anni dopo, nel 1987, il poeta (nel frattempo obbligato a emigrare negli Stati Uniti) vinse il Premio Nobel per la Letteratura, “per una produzione onnicomprensiva, intrisa di chiarezza di pensiero e intensità poetica”. Il poeta è sepolto sull’isola di San Michele, a Venezia.
La sentenza è tratta da Storia del dissenso sovietico di Marco Clementi, Odradek Edizioni, Roma 2007.

Buon Natale a chi legge, a chi scrive. A chi pensa.

Ad maiora

Egitto, giornalisti di Al Jazeera condannati a sette anni di carcere

Inutili le richieste per la liberazione dei tre colleghi. Erano stati arrestati dopo aver seguito gli eventi successivi al colpo di stato militare.

Altri giornalisti sono stati arrestati in contumacia

La repressione in salsa egiziana continua.

Ad maiora

Russia, repressione per piazza Bolotnaja

Mentre il mondo ha i suoi occhi verso l’Ucraina (dureranno un battito di ciglia, ahinoi) non si ferma la repressione putiniana contro le opposizioni russe.
Il Tribunale di Mosca ha infatti riconosciuto colpevole otto manifestanti per gli scontri al termine della manifestazione “Marcia dei milioni”. Il corteo, autorizzato, si svolse a Mosca per contestare Putin, il giorno prima la sua terza incoronazione a presidente di tutte le Russie. Era il 6 maggio 2012 e ricordo bene come tutti i presenti dovettero scappare di fronte alle cariche degli Omon, le truppe speciali (post-sovietiche, ma con lo stesso nome d’allora) che a migliaia difendevano il Cremlino da una pacifica manifestazione (che finì con incidenti).
Gli otto, che sono rimasti in cella da allora, sono stati condannati per aver partecipato agli scontri e per resistenza a pubblico ufficiale.
In loro favore in questi mesi si sono svolte varie manifestazioni delle opposizioni, tutte represse dalle forze dell’ordine.
Anche oggi c’è stata una manifestazione (non autorizzata) per chiedere la “liberazione dei prigionieri politici”. Le forze di sicurezza non hanno perso l’occasione: 231 gli arresti, sui 400 presenti.
Ad maiora