premio Sakharov

#FreePussyRiot. Verso la mobilitazione del primo ottobre

Qualche settimana fa ci chiedevamo dove fossero finiti i Nashi, i giovani balilla putiniano. Pensavamo fossero in qualche albergo di Sochi a cercare di riprodursi. È invece eccoli spuntature nella cronachetta, con una taglia per catturare le due Pussy Riot sfuggite alla repressione del regime.
La museruola alle opposizioni rasenta il ridicolo. Con multe per chi vende magliette del gruppo punk femminista.
Se tutto va come deve andare a dicembre il Parlamento europeo potrebbe conferire alle tre ragazze il Premio Sakharov per la libertà di espressione.
Il primo ottobre è giornata di mobilitazione internazionale. Quel giorno si aprirà infatti il processo di secondo grado.
A Milano Annaviva manifesta in via Dante, alle 17.30.
Vi aspettiamo.
Con una balaclava.
Ad maiora

20120927-210916.jpg

#FreePussyRiot. Il primo ottobre mobilitazione mondiale, ma già ieri a Milano…

Il primo ottobre inizierà il processo d’appello contro le Pussy Riot, le tre ragazze condannate a due anni di colonia penale per un concerto anti-putiniano in chiesa.
Per quel giorno sono annunciate mobilitazioni in tutto il mondo.
Spero che, con Annaviva, riusciremo a fare qualcosa anche a Milano. Ieri sera sono state intanto arruolate alcune statue milanesi.
Sulla repressione in Russia e la vicenda del gruppo punk-femminista è in uscita un e-book. I proventi delle vendite serviranno a coprire le spese legali.
Le Pussy Riot è sono candidate a vincere il Premio Sakharov.
Speriamo.
Ad maiora

20120918-161331.jpg

A Strasburgo assegnato il Premio Sakharov alla Primavera araba

A Stasburgo, al Parlamento Europeo assegnato il Premio Sakharov 2011. È andato alla Primavera Araba.
Due soli i vincitori presenti nell’emiciclo prima, in sala stampa poi.

Asmaa Mhafouz, premiata col Sakharov 2011, ha fatto parte del movimento giovanile egiziano 6 aprile che ha organizzato scioperi e manifestazioni. Asmaa ha organizzato, durante la Primavera egiziana, una forma di protesta personale postando su Youtube, Facebook e Twitter notizie su quel che accadeva in piazza Tahir. È stata anche incarcerata.
Questo, in sintesi, quel che ha detto in conferenza stampa dopo aver ritirato il premio europeo a Strasburgo: “Il consiglio militare egiziano e’ subdolo. Siamo favorevoli all’esercito ma siamo contrari a una dittatura militare. Dopo la rivoluzione araba spero che ci possa essere libertà ovunque. Giornalisti, continuate a seguire quel che accade in Egitto.
Il popolo egiziano e arabo hanno dato l’esempio a tutto il mondo quest’anno.
Prima della rivoluzione, c’era un’immagine erronea dei musulmani.
Stereotipi: come il generalizzare il pensiero di alcuni gruppi di islamisti. Ciò ha fatto pensare che i comportamenti d alcuni estremisti fossero di tutti. L’islam è una religione di pace, che offre la possibilità di rispettare i diritti umani, la democrazia e le donne.
E poi ci si abbina sempre al terrorismo. E invece la nostra rivoluzione è stata assolutamente pacifica. Noi arabi sogniamo: pace, dignità e libertà. Sogniamo un mondo nuovo”.

Ahmed al-Zubair Ahmed al-Sanusi è stato per anni prigioniero politico in Libia. 31 anni nelle celle del regime per aver organizzato un fallito colpo di Stato contro Gheddafi. Liberato poco prima della rivoluzione libica, è ora membro del Consiglio nazionale transitorio.
Questo, in sintesi, ciò che ha detto in sala stampa: “I media (quelli europei e quelli arabi) hanno svolto un ruolo importante facendo luce sui crimini commessi dal regime di Gheddafi. Vanno ringraziati.
I giornalisti uccisi durante la rivoluzione libica sono stati martiri, che non portavano armi ma avevano uno strumento più forte: la verità.
Sono stati importanti testimoni oculari.
Noi in Libia per 42 anni abbiamo vissuto con ansia. Andavi a lavorare e non sapevi se saresti tornato a casa. Rischiavi l’arresto (anche per anni) per motivi futili. Sotto Gheddafi molti sono stati uccisi o imprigionati solo perché chiedevano la libertà.
Nelle prigioni di Gheddafi c’erano tanti innocenti. Io ci ho vissuto 31 anni. Ho subito torture e umiliazioni. Ma io e gli altri prigionieri abbiamo sempre vissuto con la speranza della vittoria dei popoli. Il nostro modello è stata l’Europa dell’Est dove molti popoli dopo l’oppressione si sono liberati e sono entrati nell’Unione europea.
La riconciliazione nazionale in Libia? Abbiamo aperto le trattative solo con chi non ha le mani sporche di sangue”.

Questo il video della premiazione :

Il premio per la libertà dedicato al grande dissidente russo di pensiero è nato nel 1988. Primo premiato fu Nelsol Mandela.

Ad maiora

20111214-133409.jpg

Libero il dissidente cubano Farinas: “Volevo far scattare le forze della repressione”

È durata solo due giorni la detenzione di Guillermo Farinas nelle carceri cubane. Il dissidente era stato arrestato mentre dal suo balcone di casa gridava slogan contro il governo e in ricordo di Orlando Zapata, il detenuto morto proprio un anno fa dopo 85 giorni di sciopero della fame.

Farinas è d’altronde un esperto di scioperi della fame: dal 2006 quando fece il primo (per protestare contro la censura su internet) ne ha portati a termine ben 23.

Lo psicologo, classe 1962, ha una storia particolare: ferito in Angola mentre serviva l’esercito cubano (con tanto di medaglia al merito) ha finito la sua “preparazione politica” in Unione sovietica. Nel 1995 è stato arrestato con l’accusa di corruzione.

Poi la dissidenza, come giornalista indipendente, al soldo degli Usa, secondo il giornale del partito comunista cubano Gramma.

Qualche mese fa, Farinas ha vinto il Premio Sakharov per i diritti umani assegnato dal Parlamento europeo. Le autorità cubane non gli hanno concesso il visto per andare a ritirare il riconoscimento.

“Sono stato liberato alle 18 di ieri (ora di Cuba, Ndr)” ha detto Farinas all’agenzia France Presse rispondendo, rispondendo al telefono dalla sua casa di Santa Clara. “Penso che il miglior tributo per onorare Zapata a un anno dalla sua morte fosse quello di far scattare le forze di repressione”.

Ad maiora.

La democrazia arancione (di Matteo Cazzulani)

Chi come me ha il privilegio di fare il giornalista  dà una valutazione dei paesi dove è mandato a seguire gli avvenimenti anche in base a sensazioni personali. È forse un modo superficiale di agire, di capire quel che accade. Perché in base a quelle valutazioni, di pelle, impostiamo poi i nostri reportage, i nostri racconti.

Personalmente mi affido alle sensazioni, alla percezione che ho della mia stessa libertà di azione. A Kiev da molti anni ho l’impressione di essere in un paese libero. A Mosca e a Minsk no. In queste capitali ex sovietiche si ha ancora la sensazione di essere in libertà non perché sia un tuo diritto, ma perché le autorità non hanno deciso il contrario.

In una delle notti elettorali me ne stavo tornando tranquillamente al mio appartamento. Attraversavo in solitaria il Majdan, la piazza della Rivoluzione arancione (dei cui valori questo libro è intriso). Alle orecchie la musica dell’immancabile Iphone. Guanti e cappello per la temperatura abbondantemente sotto lo zero. Qualcuno mi picchietta sulla spalla e sobbalzo perché Lady Gaga  a tutto volume mi stava isolando dall’ovattata notte di Kiev. Era un poliziotto che mi chiedeva i documenti. Giovanissimo, aria burbera. Si accontentava di sfogliare velocemente il mio passaporto prima di farmi proseguire il cammino. Di fronte alla dichiarazione che ero un giornalista, aveva abbassato le difese. In altri luoghi mi sarei ben guardato da raccontare la mia professione. In Ucraina invece non percepisco questo pericolo. Qui, come racconta a più riprese Matteo Cazzulani in questa interessante analisi di storia ucraina (ed europea) i giornalisti di opposizione, nel recente passato, sono stati decapitati. E non in senso metaforico.

Eppure ora il clima è cambiato. Chiunque vinca le elezioni. La rivoluzione arancione, che i tromboni di tutta la vecchia Europa, danno per sconfitta, ha portato un vento di libertà che al momento non sembra possibile fermare. Certo, quella piazza che attraversavo la sera del voto era desolatamente vuota. La gente che cinque anni fa la riempiva è rimasta a casa a guardarsi i risultati. Il disincanto verso la politica è stato fortissimo in questo bellissimo paese nel quale, nel 2004, un milione di persone è sceso in piazza per dire sì alla democrazia e no ai brogli, alla corruzione, al potere di pochi. La marea arancione ha portato la democrazia, l’alternanza al governo. Ma non ha cambiato l’oligarchia del paese, che rimane drammaticamente nelle mani di un nucleo ristretto di potenti.

I leader politici della rivoluzione hanno fallito. Non sono stati capaci di governare assieme. Hanno consegnato il paese ai filorussi che avevano sconfitto, in piazza e nelle urne, cinque anni prima. Il perché lo spiega Cazzulani, esperto e appassionato come me di questo mondo che si trova oltre il Muro di Schengen. Gli ucraini si sentono europei, anzi, sono europei. Eppure a Bruxelles nessuno li considera come tali. Qualche giorno fa ho sentito con le mie orecchie l’ex presidente della Commissione europea, Romano Prodi, ipotizzare un futuro ingresso della Russia nell’Unione europea, escludendo invece una possibile adesione ucraina. Misteri della politica fatta coi gasdotti anziché col cuore.

L’Europa ha chiuso la porta in faccia a Kiev. Mentre Mosca è riuscita a far tornare questa nazione sorella (gli amici, recitava una vecchia barzelletta sovietica si scelgono, i fratelli no) nella sua area di influenza. Lo ha fatto col ricatto energetico. Ricatto del quale noi europei siamo stati non solo partecipi, ma addirittura complici. Germania e Italia hanno lavorato fianco a fianco con la Russia per togliere di mezzo gli ucraini, mettendo le basi per futuri gasdotti: così nel futuro non passerà più sul territorio ucraino il flusso di gas diretto alle nostre case.  La colpa di Kiev? Non accettare che il prezzo del gas russo lievitasse in base alla sua scelta di campo occidentale.  Ma nell’Europa ufficiale (dove si decantano le radici cristiane del continente) nessuno vuole questi ucraini che pure della storia del Vecchio Continente hanno cercato di far parte, malgrado Zar e Pcus.

Cazzulani in questo libro spiega bene questi anni tormentati della politica ucraina. L’instabilità che leggerete è dettata anche dal fatto che questa è una terra di confine tra due mondi contrapposti. Vi potrà sembrare complicata. Ma è sicuramente più interessante e più libera che la politica russa, dove è tornato de facto il monopartitismo.

Chiudo queste mie poche riflessioni introduttive con un altro racconto personale, questa volta ambientato a Mosca. Manifestazione non autorizzata dell’opposizione per rivendicare l’applicazione dell’articolo 31 della Costituzione russa che dovrebbe tutelare il diritto a riunirsi e manifestare liberamente il proprio pensiero. In piazza Triumphalnaja arriva Lyudmilla Alaxeyeva,dissidente 82 enne (che di lì a poco avrebbe ricevuto il premio Sakharov del parlamento europeo e sarebbe stata arrestata nel corso di un altro presidio vietato). Mi avvicino. Un collega russo mi fa presente che non posso intervistarla senza un apposito tesserino di riconoscimento. Indietreggio. Si avvicina un altro giornalista. Nego a questo punto di essere un collega e mi spaccio per turista italiano. Mi invita allora a spostarmi perché sta per succedere qualcosa. Due uomini sollevano un missile di cartone col quale invitano tutti a lottare per la libertà di espressione. Tempo due sono circondati dalle forze speciali, caricati ed arrestati. Insieme a loro, assisto al fermo di altri ragazzi che semplicemente cantano o esprimono il loro pensiero innalzando cartelli.

Torno in albergo, contento di essere libero. Accendo la tv. Guardo il principale tg, Prviy Canal. Degli arresti non si parla. Della manifestazione non autorizzata e repressa dagli Omon nemmeno. Chi non era fisicamente presente non sa che cosa sia successo. L’opposizione è cancellata. Resa invisibile.

Per questo continuo a sognare che un giorno sventoli, anche solo per breve tempo, qualche bandiera arancione sulla Piazza Rossa.

Ad maiora