Papa

#zappingmondiale Ni Stelvio, ni Giro, ni doping

stelvioUn po’ di italianità in giro per il mondo.

Sul Pais un’interessante intervista a Umberto Eco in occasione della laurea honoris causa a Burgos. Curioso il titolo sulla cultura e la crisi.
Titolo interessante anche su Le Figaro dove si dice che il Papa critica l’arroganza dei vescovi italiani.
E a proposito di prelati, il Guardian torna a parlare del cardinal O’Brien.
Passiamo al cibo. Sempre il Guardian parla della decisione di McDonald’s di inserire la pasta italiana, anzi Barilla, nei menù.
E sempre per l’ottimo cibo, consiglio la lettura dei menù della Nasa con la “pepperoni pizza“.
L’alimentazione sarà al centro anche di Expo2015. Il Corriere del Ticino si chiede se sarà davvero un’opportunità.
Chiudiamo con lo sport, anzi con il ciclismo. Anzi, col doping. Danilo Di Luca, di nuovo positivo, campeggia su Le Monde.
Ma il titolo in assoluto più bello sulla tappa saltata al Giro d’Italia è quello del Mundo: Ni Gavia, ni Stelvio ni nada.
Insomma, nada de nada.
Ad maiora

Zapping mondiale: Berlusconi dorme (a Dallas) ma piglia pesci.

Berlusconi dormeQualche sprazzo di Italia sui siti web in giro per il mondo. Il pezzo più curioso compare sul Pais che racconta delle condizioni imposte da Berlusconi nelle trattative per il nuovo esecutivo, accompagnando il testo con una foto (qui sopra) dell’ex presidente che si appisola a Dallas.
Le consultazioni di Letta per la formazione del governo compaiono sul Corriere del Ticino mentre l’Economist traccia il – complesso – quadro politico italiano.
Allargando un po’ lo sguardo, in Spagna, a Madrid, scontri per ottenere le dimissioni del governo. Lo riferisce El Pais. Mentre sul New York Times si parla dello sciopero della fame a Guantanamo.
Su Le Figaro, in puro stile Studio Aperto, si indica la pronipote della Thatcher come nuova Pippa Middleton. Non ci allontaniamo molto leggendo l’Indipendent che racconta della battaglia per un tatuaggio in casa Obama. Sempre in ambito cazzeggio, segnalo l’orgoglioso pezzo della Taz sul dominio tedesco sul calcio europeo. E in ambito calcistico, ma più politico, Al Arabiya riporta la notizia di un’inchiesta sulle dittature (italiane e argentine) che avrebbero portato a vincere i Mondiali.
La Nacion scrive invece dell’incontro tra il Papa e Zanetti.
El Mundo racconta infine il record personale di Putin che parla in tv per 4 ore e 47 minuti. Penso avrebbe fatto addormentare anche il suo amico Silvio.

Ad maiora

GENERAZIONE FACEBOOK: MA CHE NE PENSATE DELLA PRIVACY DEL PRESIDENTE?

Ci sono due Paesi in Italia. Uno e’ iscritto a Facebook (social network elogiato persino dal Papa) l’altro invoca una privacy che risulta ridicola, soprattutto per chi guida il Paese.
Abbiamo importato tante cose dagli Stati Uniti, ma non quella della rigida morale che obbliga alle dimissioni (o almeno alla pubblica ammenda) chiunque sia un personaggio pubblico e si comporti sregolatamente nella vita privata. Qui, Tiger Woods lo farebbero ministro. Là nessuno avrebbe detto: state spiando dal buco dalla serratura. È bastato un incidente stradale per scatenare i giornalisti. Qui non sarebbe accaduto.
Eppure la privacy non e’ più un problema per moltissimi italiani: 10 milioni gli iscritti a Facebook, una marea di persone. Che postano, taggano, indicano in che bar stanno bevendo una birra, in che discoteca ballano o in che stadio tifano. Mostrano foto di figli e nipoti (questo lo sconsiglierei, comunque). Pubblicano scatti digitali di manifestazioni o feste cui stanno partecipando.
Insomma, condividiamo tutto. Eppure ora si invoca la privacy per la vita privata di soubrette prestate alla politica, di prefetti che fanno parcheggiare nel cortile del Palazzo del governo le amiche (straniere) del presidente, di direttori di telegiornali nazionali, addirittura del Presidente del Consiglio dei Ministri le cui case sono state trasformate, per sua volontà, in sedi istituzionali.
Due Paesi che vivono su binari paralleli. Che si incontreranno forse solo quando la classe politica sarà affidata a persone più giovani. La generazione Facebook e twitter si e’ svegliata, politicamente, in tutto il Mediterraneo. Perche’ da noi sonnecchia? Come mai si accontenta di postare commenti acidi?
Ad maiora

D’ALEMA SENZA CACHEMIRE MENTRE L’AQUILA LAZIALE PUNTA A SUD

SENZA IL CACHEMIRE DI D’ALEMA NON ESCONO I GIORNALI

D’Alema gioca a fare il proletario. “Né cachemire né Sankt Moritz. E le scarpe le ho pagate 29 euro”. Titolo sul Giorno.

LO CHIAMEREMO ANDREA

Il Papa contro la moda dei nomi bizzarri. “Date ai vostri figli solo quelli cristiani”. Appello ai genitori. Ma in Italia le Chanel e i Tobia sono sempre più popolari. Titolo su Repubblica che come gran parte dei quotidiani pubblica le foto dei Totti o dei Briatore coi nomi scelti per apparire su Chi e dintorni. In una grafica a fondo pagina  si scopre però che i nomi più usati sono Francesco e Giulia. Mah.

SCRITTE CONTRO

Leonardo, uomo di merda” (la curva del Milan saluta il nuovo allenatore interista), “Marchionni fottiti” (sconosciuti torinesi su una pubblicità: aggiungendo la stella a cinque punte finiscono su tutti i giornali). “Quagliareee, c’ha pnzat San Gennaro” (tifosi napoletano commentano l’infortunio di Quagliarella: il bomber juventino è stato operato ieri, tornerà in campo tra 3-4 mesi).

D’ALTRONDE, SE IL MILAN NON VINCE IL PAESE SI DEPRIME

“Pari in fuorigioco… Berlusconi farà tutto per prendersi il titolo“. De Laurentis punge il Milan. Titolo sulla Gazzetta.

FOTO RANDOM

Su Repubblica foto di Nicolò Melli, giovane reggiano dell’Armani Jeans, ma nella dida: Ibrahim Jabeer, guardia afro-americana di Milano.

Sul Giorno: L’arbitro è il solo a dire che non vede. E Lumezzane-Salernitana non parte. Accompagnata da una foto degli spalti dove si intravedono 12 tifosi avvolti in una nuvola (se non è nebbia).

MUSICA E SESSO

La musica è come una scarica sessuale. Le note grazie alla dopamina fanno arrivare al cervello sensazioni di piacere. Titolo del Giornale.

TRE SCHIAFFONI BEN ASSESTATI

Tre sberle di SuperCavani mettono a nudo la Signora. Titolo machista del Giornale dopo Napoli-Juve 3-0.

FEDERALISMO TOMBALE

Spessa Po, tombe più care per i forestieri. Il sindaco: “Da tutti i paesi vicini scelgono di portare qui i loro corpi”. Titolo de La Provincia pavese.

ANCORA SUGLI UCCELLI CHE CADONO

Dai cicloni alla contaminazione dei cieli. Mille ipotesi per le “piogge” di uccelli. Titolo sul Corriere.

ANCHE L’AQUILA PUNTA A SUD

Prima della gara l’aquila Olympia non è atterrata sul solito trespolo, ma ha scelto di farlo in curva Sud, sotto i tifosi del Lecce: era un segnale premonitore. Dida sulla Gazza. La Lazio ha poi perso in casa col Lecce.

CIAO ROBERTO

Addio a Miglio, sindacalista e comunicatore. Titolo sulle pagine milanesi di Repubblica. Domani, alle 15, i funerali al Cimitero di Lambrate.

Ad maiora, amico mio,  ovunque tu sia.