Manfredi Palmeri

PISAPIA SINDACO, UNA VITTORIA CHE VIENE DA LONTANO

Che il tacito patto tra Milano e il centro destra si fosse spezzato personalmente ho cominciato a percepirlo il 6 novembre 2007, alla morte di Enzo Biagi. La camera ardente fu un flusso ininterrotto di persone.
A Biagi poi rifiutarono l’Ambrogino, dapprima perché morto – non per sua scelta! – troppo a ridosso della festa patronale. L’anno dopo perché ormai era troppo tardi.
Quando, insieme ad altri colleghi, regalammo noi alle figlie di Biagi un Ambrogino posticcio ristabilimmo un po’ quel legame tra Milano e uno dei suoi figli adottivi.
Un altro segnale di sfaldamento lo colsi in un avvenimento sempre al Circolo della Stampa. Il 6 maggio 2009, insieme a Vera Politkovskaja parlammo dell’albero fatto piantare al Giardino dei Giusti di Milano (grazie alla sottoscrizione dei cittadini e al lavoro di Gabriele Nissim). A quell’incontro partecipò Manfredi Palmeri, al tempo presidente del Consiglio comunale in quota Pdl. In sala gli chiesero conto del perché la maggioranza di centro destra stesse bocciando la Commissione antimafia (“la mafia a Milano non esiste” dicevano le autorità) e lui disse che l’avrebbe votata anche se fosse rimasto da solo. Due anni dopo Palmeri siederà in consiglio lontano dai colleghi (ora di minoranza) del Pdl.
Piccoli segnali di scollamento che denotavano grandi crepe. La principale delle quali è stata, a mio avviso, da imputare all’incapacità da parte della Giunta Moratti di ascoltare i problemi della città.
Intorno a Pisapia fin dalla vittoria al primo turno c’è stato un clima di attesa messianica. Che ora non potrà che crescere. Ma il neo sindaco non avrà la bacchetta magica e non potrà risolvere tutti i problemi di una città un po’ allo sbando.
Se continuerà ad ascoltare i cittadini, come ha fatto in campagna elettorale, il suo mandato da sindaco sarà comunque un successo.

Ad maiora

Ps. In queste ore di festeggiamenti, un pensiero non può che andare a mio padre, a Marco Berrini, Marco Formigoni e Beppe Cremagnani. Ovunque voi siate spero stiate brindando assieme. Mi mancate.

LO ZEN E L’ARTE DI PARCHEGGIARE LA BICI (IN CHINA TOWN)

La corsa contro il tempo per risistemare Paolo Sarpi (la principale arteria viabilistica della China Town milanese: ora chiusa ai non residenti, riversando il caos nelle vie della zona) prima delle elezioni ha lasciato varie pecche. La più evidente, per noi cicilisti, è che mancano le rastrelliere per le biciclette.

Si è installata una postazione di noleggio di bici comunali ma non si è pensato a dove parcheggiare i mezzi privati. Che così vengono legate dappertutto (persino ai nuovi, pochi, alberi).

La posta ciclabile è poi una riga bianca che quà e là scompare.

Peraltro la comunità cinese (sempre fantasiosa) ha affiancato ai carrellini le biciclette con portapacchi e quindi nella China Town milanese sono comparse decine di nuove biciclette.

Da queste parti, comunque, i problemi irrisolti in questo ventennio di amministrazioni, hanno portato a una serie di sconfitte elettorali da parte del centro destra (incredible se si pensa che è un “quartiere etnico”).

A naso, succederà così anche alle ormai prossime comunali. Il sindaco Moratti qui si è visto per pochi minuti solo all’apertura della pedonalizzazione della via (non accolta solo da applausi, diciamo). Poi è scomparsa. L’associazione Vivisarpi ha organizzato gli incontri con Pisapia (settimana scorsa) e Palmeri (19.39 in via Messina 10) ha annunciato che il sindaco ha rifiutato di partecipare al confronto coi cittadini.

http://www.vivisarpi.it/wb/

Ad maiora.

I LEADER DEL TERZO POLO SABATO A MILANO PER PALMERI

“La Moratti è una delusione. Pisapia un’illusione”. Così Francesco Rutelli – oggi a Milano – lancia la candidatura a sindaco di Manfredi Palmeri. Dietro un tavolo, tutto al maschile, la parte non Udc del Terzo polo, che si chiamerà Polo per Milano: Bruno Tabacci, Giuseppe Valditara, Carlo Montalbetti. Oltre naturalmente al presidente – uscente – del Consiglio comunale (con le occhiaie: la seduta sul Bilancio si è conclusa all’alba) e a Rutelli felice per le adesioni alla sua Api di una serie di amministratori locali (in sala anche qualche vecchio liberale, nel senso di appartenente al Pli).

Palmeri ha detto che la martellante campagna elettorale della Moratti a suon di giganteschi cartelloni coi quali si vanta delle cose fatte, è la migliore dimostrazione dei suoi insuccessi. Albertini, ricorda, per conquistare il suo secondo mandato non dovette fare granché (salvo tradire gli elettori col Piano Parcheggi, aggiungo io).

Poi dice che bisogna “cementare pezzi di città”. Ecco, cementare è l’ultimo dei verbi che userei in una città che è tutto cemento e dove il verde spunta solo grazie ai (giganteschi) buchi nell’asfalto.

Ad maiora.

MENTRE LA GDF INDAGA SULLA BATCASA, IL POLICLINICO SPIEGA LA SUA GESTIONE IMMOBILIARE

Mentre la Guardia di Finanza si recava allo sportello unico per l’edilizia del Comune di Milano per chiedere le carte relative alla villa in stile Batman del figlio del sindaco (“è indipendente” ha detto di lui la Moratti ieri; “lo seguivo quando era più piccolo”, ha aggiunto il primo cittadino, senza precisare che ormai è – o dovrebbe essere – adulto) la commissione casa di Palazzo Marino ha ascoltato i vertici del Policlinico, uno degli storici ospedali di Milano. Qui i lasciti risalgono anche a 500 anni fa.

Ma la fondazione, guidata da un ciellino doc come Giancarlo Cesana ha immediatamente fornito ai consiglieri l’elenco degli affittuari. Ai consiglieri che prendevano l’elenco dei nomi veniva solo fatta firmare una sorta di liberatoria per la privacy. Ma alcuni consiglieri se ne sono fatti un baffo e hanno diffuso l’elenco ai giornalisti. Che l’hanno pubblicato su quotidiani e sui siti on line.

La seduta odierna quindi era meno vivace di altre (qualche consigliere si riposava mentre i più scrivevano compulsivamente messaggi sui loro smart phone: le elezioni si avvicinano). Nella saletta commissioni erano comunque presenti consiglieri tra i più noti come Manfredi Palmeri (presidente del consiglio e ora candidato sindaco per il terzo polo), Basilio Rizzo (capolista della sinistra che appoggia Pisapia – è il consigliere che ha scoperto la Bat-casa), l’ex ministro Giancarlo Pagliarini (candidato sindaco per la Lega Padania Lombardia) o Giulio Gallera (capogruppo Pdl a Palazzo Marino).

Cesana ha smentito la volontà dell’ente che presiede di cedere all’esterno la gestione dell’enorme patrimonio immobiliare ma ha precisato che va trovato il modo di farlo fruttare di più (ora meno dell’1% di redditività). Nel cda del Policlinico (Fondazione IRCSS – Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico) siedono il Comune di Milano, la Regione Lombardia, il Ministero della Salute, la Fondazione Fiera di Milano e l’Arcidiocesi di Milano.

Ad maiora.

DAL LARA A NICOLE. DAL PAT AL BAT

 LE FOTO DELLA MINETTI

Il fidanzato della Minetti e le foto: ti si vede entrare in una casa a Roma. La consigliera regionale: intercettale e comprale. Sul Corriere.

PRONTO, PAPI?

Arcorine in allarme. Dalla Polanco alla Espinosa: le telefonate a Berlusconi per aggiornarlo sugli interrogatori. Sul Fatto.

I 150 ANNI DI VALENTINO ROSSI

Valentino Rossi: “I 150 anni dell’Italia? Ora sento la responsabilità”. Il 17 marzo l’anniversario, il 20 il primo Gp: “Cercheremo di rappresentare bene il Paese”. Sul Giornale che dimentica di chiederli dei 35 milioni che, residente fiscalmente all’estero, ha dovuto pagare nel 2008 all’Agenzia delle entrate per evasione fiscale.

AMISH, 200 ANNI (VISTI DA UN BRESCIANO)

Andrea da Bagnolo alla terra degli Amish. Borella ha 34 anni ed è l’unico studioso italiano di una comunità che vive come duecento anni fa. Sul Giornale di Brescia.

COL NUMERO 3, MANFREDI PALMERI

Terzo polo, Palmeri candidato sindaco a Milano. Malumori nel’Udc. Il Pdl: si dimetta da presidente del consiglio comunale. Sul Giorno.

3 ORE IN CAMERA

Settimana corta, aula vuota. Ecco la Camera. Vita da Onorevole a Montecitorio. Banchi affollati solo per il voto di fiducia. Le ore di lavoro? Solo tre al giorno. Su Il Giorno.

LA SERBIA A CACCIA DI EROI

Belgrado vuole “il traditore” che salvò Sarajevo. Arrestato in Austria il generale erbo che si schierò coi bosniaci nella guerra dell’ex Jugoslavia. Il Fatto quotidiano (con un titolo più assennato di quello di Repubblica: “Arrestato il genrale Divijak, il serbo che amò Sarajevo“, seguito in compenso da un bel pezzo di Adriano Sofri che scrive: “La notizia del suo arresto è stata uno schiaffo in faccia alla gente di Sarajevo e della Bosnia e ai tantissimi amici che Dovijak si è fatto nel mondo. Il governo serbo che lo accusa di crimini contro l’umanità è quello che aspetta ancora a stanare il boia di Srebrenica, Mladic“).

IL RITORNO DELL’ALTISSIMO

Il ritorno di Altissimo tra i Liberali. “Combatterò il declino del Paese”. Sempre sul Giorno.

LARA SENZA CASA

Sfrattata Lara Saint Paul: “Ma io non mi arrendo”. Sul Corriere, pagine milanesi.

DAL PAT AL BAT

Bat-villa, arriva la Finanza. Moratti junior indagato. Il figlio del sindaco sospettato di violazione edilizia. Rilievi e foto nella sua abitazione. Sul Giorno.

PRONTO CASA MORATTI? SONO ROBIN!

Il rampollo della dynasty del petrolio che vuole vivere nella casa di Batman. Dal lavoro in saras alla scazzottata in discoteca con Irvine. Su Repubblica.  

FOTOGRAFARE LE ASSENZE

Suor Mainetti, Poitkovskaja, Hina. Urla dal silenzio nei luoghi dei delitti. In una mostra (alla Triennale di Milano) le assenza inquietanti fotografate da Donata Pizzi. Sempre sul Giorno.

L’ARPA DI FLORALEDA

Arpa d’Or. Intervista alla 32enne comasca Floraleda Sacchi, oggi all’Auditorium di Milano. Ha cambiato l’immagine dello strumento e suonato anche in discoteca con dj. Su Repubblica (Floraleda accompagnerà anche Ottavia Piccolo in Donna non rieducabile, dedicato alla Politkovskaja,  dal 21 marzo all’Elfo Puccini di Milano)

Berlino e Varsavia a duello per la Dama di Leonardo. L’opera quattrocentesca che ha attraversato la storia d’Europa andrà a Londra: “Decisione politica, un insulto per i tedeschi”. Sul Corriere.

SPOSTAMOSE?

Gli interisti tifano Juve. E gli juventini? Il popolo bianconero è diviso: c’è addirittura chi spera nella sconfitta della propria squadra. Sulla Gazzetta.

Ad maiora.