Atletico Madrid

PILLOLE MONDIALI. 20

Muntari è il secondo interista in gol oggi ai Mondiali a dimostrazione che in questi ultimi anni i tanti soldi spesi da Moratti non sono stati (a differenza che nel passato) buttati al vento. Di Weslej Sneijder e della sua splendida fidanzata (Yolanthe) abbiamo già parlato in vari post precedenti. Qui qualche riga sul centrocampista del Ghana e dell’Inter.

Ali Sulley Muntari, classe 1984, è nato a Konongo, piccola cittadina di cui era originario anche Anthony “Reebop” Kwaku Baah, che fu percussionista dei Traffic.

Portato in Italia dall’Udinese, è andato poi al Portsmouth (dove ha vinto una FA Cup) per poi tornare – 2008 – nel Bel Paese per i nerazzurri di Milano. Giocatore di carattere è passato alle cronache quest’anno, durante Catania-Inter per essere riuscito a beccarsi due ammonizioni in pochi minuti di gioco, provocando per tocco con la mano, un rigore e con esso la sconfitta della sua squadra (3-1).

Era stato escluso dalla nazionale ghanese (per la Coppa d’Africa di quest’anno) per non aver partecipato a un’amichevole. Ha rischiato anche di essere rimpatriato anzitempo per aver coperto di insulti il coach Milovan Rajevac (serbo, ex calciatore ed allenatore della Stella Rossa di Belgrado). Perdonato forse anche per i 15 gol realizzati in 52 incontri (oggi il sedicesimo non ha salvato la sua squadra dall’essere eliminata dall’Urugay, dopo i calci di rigore)

Muntari ha rischiato anche di farsi escludere per qualche giornata dalla formazione interista – lo scorso anno – dall’allenatore Mourinho per aver aderito al Ramadan. È l’unico musulmano dei nerazzurri. E la sua scelta di rispettare uno dei pilastri dell’Islam fu criticata dall’allenatore che – sostituendolo dopo mezz’ora – disse che il digiuno debilitava troppo il giocatore. Per queste dichiarazioni il portoghese avrebbe ricevuto anche delle minacce da islamici integralisti (per le quali il coach diede ovviamente la colpa ai giornalisti).

Il Ramadan di quest’anno dovrebbe iniziare l’11 agosto (la data varia a seconda del calendario lunare). Poco dopo l’Inter sarà impegnata in Supercoppa italiana (contro la Roma il 21 agosto, a San Siro) e quella europea (contro l’Atletico Madrid, il 27 agosto, a Montecarlo). Ci sono società come il Real Madrid che organizzano preparazioni specifiche per i calciatori islamici che aderiscono al digiuno. Non si sa come si comporterà Rafa Benitez e come deciderà di impiegare il suo giocatore islamico.