Day: 9 novembre 2012

Grande Roberto

Nomfup

Lui è Roberto Giachetti, il solito Roberto Giachetti, l’unico Roberto Giachetti. In sciopero della fame da 102 giorni per – pensate un po’ – la legge elettorale. Nessuno se ne importa, come si dice a Napoli, passano i giorni e le chiacchiere parlamentari e quelle di giornali e tv si gonfiano di altra fuffa, si allungano di altre ombre.

E lui, Roberto Giachetti, che è un parlamentare del Partito Democratico ed è, mannaggia a lui, una persona seria e generosa, prosegue con la sua iniziativa. Tanto da arrivare al punto di mettersi a disposizione, pur di avere un quadratino di notizia, una attenzione anche minima da parte dei media, a uscire pazzo:

Mi metto in vendita. Mi vendo al miglior offerente e sono disposto a diversificare l’offerta affinché le ragioni della mia iniziativa possano avere un minimo di informazione. Mi rendo disponibile ad insultare pubblicamente e pesantemente il…

View original post 153 altre parole

Immaginario

Da oggi molti dei post di questo blog si potranno leggere anche su Huffington Post. Per il “debutto” ho scelto di raccontare la storia di un manifesto di Sel Lombardia che immortala Roberto Maroni e Roberto Formigoni in un bacio appassionato. Un ringraziamento particolare ad Andrea Riscassi, attento osservatore, che mi ha incuriosito con questo poster, segnalato in uno dei suoi, tanti,  tweet.

“L’ultimo bacio, l’eroico coraggio di un feroce addio”. Così cantava qualche anno fa Carmen Consoli in una struggente canzone. Oggi l’addio, politico e non amoroso, se lo augurano gli esponenti di Sel Lombardia.

Da giorni Milano è tappezzata di manifesti che ritraggono un bacio provocatorio. A scambiarselo, ovviamente in un fotomontaggio, sono il segretario federale della Lega Nord Roberto Maroni e l’ormai quasi ex presidente della Regione Roberto Formigoni. Sotto di loro campeggia la scritta “Mai più Roberto”.

Continua a leggere su Huffington Post

View original post

#CiaoEzio. A Trussoni verrà dedicata la sala riunioni del tg

Ezio sarebbe diventato tra pochi giorni vice direttore.
Ma come scrive il comitato di redazione nella lettera alla redazione che segue “il destino ha giocato d’anticipo”.
In questi giorni comunque è proprio difficile lavorare. Senza di lui.
Ad maiora
……………..
Cari colleghi,
Il direttore Casarin ci ha comunicato che l’Azienda ha deciso di dedicare la stanza del sommario a Ezio Trussoni, affiggendo, dietro quella che per anni fu la “sua sedia”, una targa e una copia (probabilmente in bronzo) della sua lettera. La Rai ha anche deciso di intitolare a Trussoni una borsa di studio presso un’universita’ o un corso di giornalismo da stabilire.

Infine, un’ultima notizia. Forse la piu’ importante per Ezio, quella che pero’, con enorme rammarico della direzione tutta, Ezio non ha mai saputo. Mercoledi’ prossimo Trussoni sarebbe stato nominato vicedirettore della Tgr, mantenendo la responsabilita’ della redazione milanese. Una decisione presa il 26 ottobre scorso dal direttore generale Gubitosi in accordo con la direzione delle risorse umane e di Alessandro Casarin. Ma il destino ha giocato d’anticipo.

Il cdr,
Sabrina Manfroi, Enrico Rotondi, Rodolfo Zardoni

20121109-151508.jpg

Quelli che…Beppe Viola. Lunedì sera su #Rai3

Oggi la conferenza stampa di presentazione del documentario sul grande giornalista Rai scomparso 30 anni fa.
Qui il ricordo di Teo Teocoli.
Che parla di una Milano che non c’è più.
Qui invece Bruno Pizzul. Su Beppe, caposervizio, per soldi.
Lunedì sera, ore 22.40, Rai3.
Ad maiora

20121109-140818.jpg