Da Belen alle Pussy Riot. Senza dimenticare Bibi. I titoli di oggi

Scortatemi sulla battigia. Da Il Giorno. “Ora rivediamo le scorte“. La Cancellieri affila le forbici. Caso Fini, Bocchino attacca il ministro. Il presidente lo gela”. Due pagine dopo si nota che le forze dell’ordine sono protagoniste non solo ad Ansedonia ma anche ad Ancona, dove hanno riportato l’ordine e la sicurezza: “Castelli di sabbia pericolosi. La Capitaneria li abbatte. I militari: Ostacolano i mezzi di soccorso sulla battigia”. Le pericolose costruzioni erano state realizzate dai bambini a Ferragosto.

Allāhu Akbar in piazza Affari. Dal Corriere della sera: “Mediaset vola, in Borsa passa il 4,5%. Il titolo guadagna in una seduta il 10%, le voci sul socio arabo”. Vedremo se il tutto verrà smentito come l’ingresso di Gazprom nel Milan, notiziola spifferata ai giornali. Poi risultata falsa.

Intanto Mr.B. Sul Fatto quotidiano una notizia che ho faticato a trovare sugli altri quotidiani: “Ultimatum a B. Altri 15 giorni per presentarsi. Nuova convocazione dalla Procura di Palermo”.

Campanilismo. Titolo politico con venuature religiose sull’Avvenire: “Guerre di campanile sulle nuove province. Nonpiacciono gli accorpamenti voluti dal governo”.

Punching ball con farfallina. Paginata sulle Cronache de Il Giornale: “Stufa di essere nel mirino, ormai sono un punching ball. L’intervista a Belen Rodriguez. Estate tutta milanese per la showgirl argentina e il fidanzato Stefano di Martino”. E’ la crisi, bellezza…

Lancio di titolista. Dalla Provincia pavese: “Auto colpita da lancio di macchinine. Danneggiata Bmw che stava transitando. Parabrezza incrinato da modellini in metallo”. Titolo a sei colonne.

It’s Bibi Time? A Repubblica nemmeno la ventilata guerra in Medio Oriente spinge a usare i cognomi: “Scacco in tre mosse agli Ayatollah, ma il piano di Bibi non convince i militari”. Bibi sta per Benjamin Netanyahu, primo ministro israeliano. Ma nome e cognome non compaiono nemmeno nella lenzuolata a firma del nostro inviato Alix Van Buren.

It’s Pussy Time. Infine sul Corriere, pagine di Esteri: “Pussy Riot, il mondo si mobilita”. Nel finale (del pezzo di Maria Serena Natale) anche la notizia del presidio milanese di Annaviva alle 17, in via Dante, sotto la bandiera russa per l’Expo.

Ci vediamo lì.

Ad maiora

About these ads

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...