Giorno: 22 aprile 2012

Free Pussy Riot. Proseguono le iniziative di solidarietà

Pussy Riot ancora al centro dell’attenzione.
L’Ansa dice che il presidio di ieri davanti alla Chiesa di Cristo Salvatore è stato indetto contro il loro concerto punk-rock anti-putiniano:

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2012/04/22/Russia-messa-solenne-dopo-preghiera-punk_6756812.html

In realtà la manifestazione è stata organizzata per reagire agli attacchi alla Chiesa (costoso orologio di Kiril sbianchettato in puro stile sovietico, misteriose badanti):

http://blog.ilmanifesto.it/estestest/2012/04/22/pussy-riot-carcere-a-oltranza/

A Roma si è svolto un presidio di solidarietà per il gruppo femminista:

http://roma.indymedia.org/articolo/45244/pussy-riot-allambasciata-russa

Su questo sito tutte le iniziative per le tre ragazze arrestate, definite prigioniere di coscienza da Amnesty International.
Ad maiora

20120422-152833.jpg

STOP VLÁDĚ. Manifestazione di protesta a Praga

Oceanica e pacifica manifestazione di protesta ieri a Praga contro gli interventi economici (o anti-economici?) introdotti dal governo di centro-destra.

120 mila persone, provenienti da tutta la Repubblica Ceca, si sono riunite in Piazza San Venceslao.

Le opposizioni chiedono il ritiro dei provvedimenti ed elezioni anticipate.

La manifestazione è stata convocata dai sindacati insieme ai partiti d’opposizione (socialdemocratici e comunisti).

Queste le immagini della manifestazione, captate in rete:

http://youtu.be/S1TK6X4hcY4

http://youtu.be/fYmen5bMoQc

Ad maiora

GP in Bahrain. Il video del ritrovamento del corpo del manifestante

Il circo della Formula Uno l’anno scorso aveva rinunciato. Ma non si è dato per vinto.
E quest’anno, tra poche ore, si correrà il Gran Premio del Bahrain.
Nel Regno è in corso, da tempo, una rivolta lanciata dalla maggioranza sciita del piccolo arcipelago.
È uno dei frutti della primavera araba.
Lo scorso anno fu decretato lo stato di emergenza che fece allontanare la lobby di Ecclestone da questi lidi.
Ora invece la fame di nuovi mercati ha spinto la Formula uno anche qui.
Tre i giorni di protesta lanciati dalle opposizioni. Con un ragazzo trovato morto a pochi chilometri dalla capitale Manama.
Questa la cronaca dei funerali da Al Jazeera:

Questo il comportamento della polizia a Shakoora, il villaggio dove è stato trovato morto uno dei ragazzi della protesta:

Qui, infine, le immagini del ritrovamento del corpo di Salah. Con gli agenti che sparano contro chi sta, coraggiosamente, facendo le riprese:

Consiglio: mentre guardate i bolidi sfrecciare, navigate su Youtube per vedere cosa succede tutto intorno.
Quelli intorno siamo noi.
Ad maiora

20120422-073022.jpg