SENZA FACEBOOK NE’ CELLULARE. DOVE ANDRA’ SARAH?

Prima l’attenzione ai numerosi profili Facebook, ora anche il cellulare ritrovato a sei chilometri da casa, senza batteria né sim, bruciacchiato da chi ha dato fuoco alle stoppie.

La drammatica vicenda di Sarah Scazzi, ragazzina di 15 anni scomparsa più di un mese fa da Avetrana, riassume in sé tutta l’iconografia dell’adolescenza moderna.

Sui social network passano le ore, scrivono, raccontano sentimenti, chattano. Anche con nomi e foto false. Si creano più personaggi. Gli stessi che un tempo si cercavano nei romanzi e che ora trovate in rete. La stessa dalla quale Sarah è svanita il 26 agosto ( i suoi profili sono stati congelati dagli inquirenti e a nulla sono valsi i numerosi appelli a trovarla, lanciati anche da FB).

E poi il cellulare. È l’oggetto culto degli ultimi anni ed è quasi impossibile immaginare un ragazzo o una ragazza che non ne possieda uno. Il fatto che Sarah abbia abbandonato (o perso, o peggio) il suo telefonino, con tanto di gingilli attaccati, non è ovviamente un buon segno.

Facebook e il cellulare sono due icone moderne. Un tempo le ricerche di una scomparsa sarebbero state affidate solo al fiuto dei cani. Ora, inevitabilmente, le indagini si fanno virtuali, alla ricerca di IP prima e di celle telefoniche ora.

Con la speranza che il fiuto tecnologico degli investigatori trovi al più presto la traccia giusta.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...