Nicole Minetti

ITALIA: 150 ANNI, MA NON SEMBRA ANCORA MAGGIORENNE

La confusione in cui si dibatte il nostro Paese si nota anche nella difficoltà di collocare anagraficamente le persone. E non mi riferisco a Ruby di cui ora si “scopre” la possibile maggior età, per un ritardo di registrazione all’anagrafe marocchina (ma il presidente del Consiglio dei ministri nella telefonata che fece alla Questura di Milano – non nell’esercizio delle sue funzioni visto che del caso avrebbe dovuto al più occuparsi il ministro dell’Interno o quello degli Esteri se si temevano ripercussioni internazionali per il fantomatico zio – chiese l’affidamento alla Minetti di Ruby in quanto minorenne, il che fa cadere questa tardiva difesa).
L’età comunque viene valutata a seconda delle epoche. Se ai tempi di Dante il mezzo del cammin della vita era 35 anni, ora il tutto si è spostato, molto in là. Tempo fa mi è capitato, in un servizio, di definire “di mezza età” una signora cinquantenne, attirandomi gli strali di colleghe sui 50. E a nulla è valsa la mia difesa che in questo modo auguravo almeno 100 anni di vita. L’obiettivo sono davvero i 120 anni cui si sta lavorando al San Raffaele?
Nell’attesa, non sappiamo più come definire le persone. Un quarantenne è un giovane uomo? E un sessantenne? A che età si diventa anziani? Quando a Dan Peterson feci notare che tre del suo quintetto avevano meno anni di lui, mi ringraziò polemicamente di saper far di conto.
Concludo con argomenti più tristi. Yara Gambirasio, 13 anni. Finché era solo scomparsa era definita “ragazzina”. Ora che è stata assassinata i tg la definiscono “bambina”. Forse un modo di impietosire l’uditorio. Ma sicuramente una definizione errata che stona con la realtà di un Paese, dove nessuno diventa mai adulto. Nemmeno di fronte alla morte.
Ciao Yara, che la terra ti sia lieve.

FENOMENOLOGIA DI ANTONIO DI PIETRO

Un libro contro Di Pietro. A scriverlo un vecchio liberale come Pierfranco Pellizzetti che nella sua fenomenologia se la prende con quello che ritiene un «sottoprodotto del berlusconismo: il dipietrismo».

Nel volume (edito da manifestolibri), Pellizzetti paragona più volte Silvio e Tonino, che definisce «due egotisti a livello ultra patologico», «miracolati della Seconda Repubblica» che sono «espressione della stessa mentalità di destra». E critica allo stesso modo le formazioni della liste elettorali del Pdl e dell’Idv, dalla Minetti a Scilipoti, coniugandolo a un oggi che un libro a differenza di un blog non può permettersi di avere.

Pellizzetti non risparmia nessuno del partito di Di Pietro, nemmeno De Magistris, che «ha dilapidato il proprio tesoretto di credibilità, quasi un Mariotto Segni in sedicesimi».

L’analisi è a tratti più sociologica che politica (e nella parte politica centrale risulta un po’ noiosa e ridondante): «Pasquale Villari scriveva nel 1983 che nel nucleo profondo della cultura contadina “si sente troppo lo Io e troppo poco il Noi”. Lo ribadiva ancora qualche anno fa il sociologo urbano Robert D. Putnam, riportando a nuovo l’antica profezia di Villari: “Non avete più scampo: o voi riuscite a rendere noi civili, o noi riusciremo a rendere barbari voi”. Analisi antiche e recenti sui retaggi del passato che descrivono perfettamente il mood del nostro Paese quale appare oggi, berlusconiano e leghista. In qualche misura dipietrista».

Il fenomeno Di Pietro – conclude Pellizzetti che collabora col Fatto e con Micromega e che nel volume esprime simpatia col popolo viola – «suona a conferma dell’incapacità del nostro sistema democratico, della società italiana, di produrre autonomamente anticorpi civili: la democrazia come discorso pubblico, come progetto inclusivo per la liberazione dai rapporti di dominio».

Anche io penso (e lo dissi a un amico che si candidò, sfiorando l’elezione, alle Europee per l’Idv) sia più il termometro della crisi repubblicana che la risoluzione. Dal mio piccolo osservatorio di dipendente della televisione del servizio pubblico, mi limito a osservare che dalle mie parti non ho mai sentito dire “quello l’ha raccomandato Di Pietro”. Né, quando ho realizzato servizi su di loro, ho avuto la canea di telefonate di sollecitazione e precisazione che accompagnano invece l’attività politica delle schiere che hanno conquistato maggioranza e opposizione negli ultimi 16 anni di berlusconismo e antiberlusconismo. Per quanto mi riguarda, non è poco.

Ad maiora.

Fenomenologia di Antonio di Pietro

Pierfranco Pellizzetti

Manifestolibri

Roma, 2010

Pagg. 159

Euro: 18

NICOLE MINETTI ASSEDIATA DAI GIORNALISTI AL PIRELLONE

Il Consiglio regionale lombardo è cliccatissimo nelle ultime settimane dai cronisti, come mai accaduto prima. Anche oggi frotte di giornalisti hanno aspettato l’arrivo di Nicole Minetti, affrontate a muso duro da Franco Nicoli Cristiani (ex assessore e ora vice presidente del Consiglio, la cui autorevolezza e fisicità hanno sconsigliato ai più di opporsi). Formigoni invita i giornalisti a “lasciarla lavorare”, anzi “lasciarla vivere”.

L’altro vice presidente del Consiglio, il pd Filippo Penati, chiede invece un incontro alla presidente dell’Ordine lombardo dei giornalisti, Letizia Gonzales, per “trovare una soluzione”. Scrive l’ex sfidante di Formigoni: “Nelle ultime sedute del Consiglio  il rapporto  con gli  operatori dei media è stato difficile, per ragione note alla cronaca. Per questo propongo un incontro tra l’ufficio  di presidenza e la presidente dell’ordine dei giornalisti della Lombardia, Letizia Gonzales per trovare una soluzione che garantisca agli operatori dell’informazione  le condizioni per esercitare il diritto di cronaca e ai consiglieri la possibilità di svolgere in tranquillità il proprio lavoro”.

Vedremo che succederà alla prossima seduta.

Ad maiora.

LA POLITICA DEL VIVAVOCE

Il “responsabile” Scilipoti regge la cornetta. Didascalia su Repubblica.

 ———————

Ieri ben tre le telefonate fatte da Berlusconi ad altrettante assemblee di suoi alleati. È diventato un rito. In questo modo il cd premier può essere presente ovunque (soprattutto in tv) senza muoversi da casa, senza dover spostarsi fisicamente, né dover fare videomessaggi. I fortunati che ricevono la telefonata ormai sanno come funziona l’inquadratura e si mettono sull’attenti sul palco ad ascoltare la telefonata. Come ieri i responsabili.

È una formula nuova nella politica italiana. Mentre il resto del mondo va verso il 2.0 noi rimaniamo ancorati al passato, al messaggio telefonico. Il presidente quando può, chiama anche le trasmissioni di approfondimento (da Ballarò a Kalispera): se lo si contraddice, schiaccia il tasto rosso sul telefonino.

Eppure quell’aggeggio non porta tanta fortuna al presidente italiano. Fece aspettare la Merkel a un incontro Nato (stava parlando con Erdogan e non poteva, chissà perché attaccare e richiamare). E i pm intercettano spesso e volentieri.

E proprio da una telefonata è partito tutta la crisi odierna: quella alla Questura di Milano per far “liberare” una minorenne straniera fermata. Assegnata poi a Nicole Minetti e a ruota a Michele Conceicao Dos Santos Oliveira, prostituta brasiliana.

Per quella telefonata, Berlusconi è indagato per concussione e domani potrebbe essere chiesto il processo con rito immediato.

Una canzone bella vecchia ma sempre attuale: http://www.youtube.com/watch?v=uKSuG1LOaYI

 Ad maiora

SE NOEMI E NICOLE INDOSSANO IL BURQUA, STIANO LONTANO DALLA STALINGRADO D’ITALIA

A VOLTE RITORNANO

 Pagata anche Noemi. Apertura del Fatto.

 PAGA IL PAPI

Spunta Noemi nel conto segreto: i bonifici del ragionier Spinelli per la madre della ragazza di Casoria. Su Repubblica.

TU SEI INCENSURATA

“Mi disse: vai tu in Questura, ti presenti bene, sei incensurata”. La Minetti ricostruisce l’intervento del premier per Ruby. Sul Corriere.

PDL IN PIAZZA, FORSE SI’, FORSE NO, FORSE DI NOTTE

 “Pronti a mobilitazioni anti pm”. Ma il partito ci ripensa: equivoco. Sotto accusa l’“insistenza smodata” della Santanchè. La reazione dei big del Pdl all’incarico: ma siamo matti? Sul Corriere. Da segnalare che l’Ansa nella notte ha intercettato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi al termine della festa di compleanno della deputata Pina Castiello. Dice il premier: “L’Italia si e’ consegnata alla magistratura” che ormai si è trasformata in “potere” con conseguenze i cui effetti “i cittadini sanno esser diventati qualcosa di indecente“. I take dell’agenzia – per dire come siamo messi – sono usciti, il primo alle 00.44 l’ultimo alle 04.15.

 E CONTRO CHI ALLORA?

 Il Pdl si mobilita: “Ma non contro i giudici”. Sul Giornale.

  CI SIAMO ANCHE NOI

 Bersani e Di Pietro in piazza con le donne. Su Repubblica.

 RAI, AVANZANO MINZOLINI E ANNUNZIATA

“Quelle spese sono un benefit”. Rai, Masi assolve Minzolini. “Il presidente sapeva”. Ma Garimberti smentisce. Su Rep.

 La sinistra si allarga in casa Rai. E l’Annunziata raddoppia di sera. Sul Giornale.

MA AI GIORNALI FREGA QUALCOSA CHE UN GIOVANE SU TRE SIA DISOCCUPATO?

Disoccupazione giovanile, raggiunta quota record 29%. Repubblica ci apre la pagina economica (la 22), non la prima (dove c’è almeno un richiamo).

 Senza lavoro il 29% dei giovani under 25. Titolo delle pagine economiche (26) del Corriere. Nessun richiamo in prima.

Poco lavoro per i giovani. Il Sole con un titolo (a pagina 8, senza alcun richiamo in prima) vagamente minimizzante.

MA SE PURE GLI OPERAI FIAT PRODUCONO DI PIU’, CHI COMPRA LE MACCHINE?

 Mercato auto ancora giù, a gennaio -20,7%. Vendite del gruppo Fiat in calo del 27,7%. Su Rep (ma anche sugli altri)

TRISTEZZA AQUILANA

 Un parcheggio all’Aquila dove morirono gli studenti. Sul Corriere.

BARBARESCHI, NUOVA PUNTATA

 “Resto in Fli, ma decido lunedì”. La fiction senza fine di Barbareschi. Sul Corriere.

 La fiction Barbareschi. Due film tv valgon bene le dimissioni dalla Camera: regalo a Berlusconi. Titolo simile anche sul Fatto quotidiano.

 Il governo ha nuovi fan. E spunta Barbareschi. Sul Giornale.

 MATRI, QUELLO CHE NON SAREBBE STATO VENDUTO DA CELLINO

Subito Matri: “Ai gol ci penso io”. Il Corriere riferisce della conferenza stampa del neoacquisto juventino. A dicembre Galliani aveva detto alla Gazza: “Matri non lo abbiamo mai chiesto e non lo faremo. Cellino non vende i suoi giocatori a gennaio”. Già.

RONALDINHO, QUELLO CHE DOVEVA RESTARE

Ronaldinho, è l’ora. Stanotte il debutto con il Flamenco. Sulla Gazza. “A gennaio - aveva detto sempre l’ad del Milan, Galliani, nella stessa intervista alla rosea – non partirà nessuno”. Già.

 VIERI GIOCA IL 21

Tavaroli conferma: “L’Inter mi chiese di spiare Vieri”. Notizia solo per la Gazzetta. Prossima udienza il 21 marzo. L’ex bomber chiede a Inter e Pirelli 21 milioni di euro.

QUASSU’ AL NORD, INTANTO

No al burqa. E i compagni diventano un po’ leghisti. Sulle pagine milanesi del Giornale sulla decisione di Sesto San Giovanni (che, chissà perché il Corriere definisce “ex” Stalingrado d’Italia)

Ad maiora

SARA GIUDICE COMPIE 25 ANNI E SI PREPARA A INCONTRARE I FIRMATARI DELL’APPELLO ANTI-MINETTI

A 25 anni in alcuni Paesi del mondo si diventa milionari, in altri ministro. Qui da noi sei considerato ancora un adolescente, bollato come un bamboccione (facendo finta di ignorare che la società è costruita per respingere le energie nove). Solo a 25 anni si può essere eletti (rectius, nominati dalle gerarchie del partito), alla Camera. Per il Senato bisogna aspettare addirittura i 40 e i 25 per avere l’onore del voto…

Oggi compie 25 anni Sara Giudice, la giovane esponente del Pdl milanese (figlia dell’ex presidente del Consiglio comunale) che ha lanciato una petizione, on-line per chiedere le dimissioni di Nicole Minetti, classe 1985, igienista dentale ed ex soubrette, indicata da Berlusconi ed eletta grazie al listino Formigoni al Consiglio regionale lombardo, ora coinvolta in un’inchiesta sulla prostituzione, anche minorile (verrà interrogata martedì dai giudici).

Abbiamo rivolto a Sara qualche domanda per questo suo, particolare, genetliaco.

Come arrivi a questo compleanno?

Proprio ieri, parlando con una mia amica, le ho confessato che per la prima volta nella mia vita ho realizzato solo poche ore fa che sto per compiere gli anni. Sono successe tante cose in questi giorni che quasi me ne stavo dimenticando. Comunque è un bel compleanno, pieno di cose.

Alla tua età, in altre parti del mondo, si hanno molte più possibilità che in Italia, comunque.

E’ vero, ma bisogna sfatare un luogo comune. Conosco tante e tanti ventenni che sono in gambissima e che si danno da fare per costruirsi un futuro. Comunque è chiaro che questo non è un Paese per giovani.

Da più parti (anche sulla tua pagina di Facebook) ti si accusa di portare acqua alla sinistra (sempre che esista ancora), di partecipare a trasmissioni di sinistra. E’ così?

Questo è il solito modo di rispondere non nel merito alle cose che dico. Sono stata ospite da Gad Lerner perché mi hanno invitato e perché  considero L’Infedele una trasmissione alta, anche se ha un’audience bassa. È una palestra di democrazia, dove ognuno può dire la sua. Preferirei si parlasse invece della richiesta avanzata dalle 8mila persone che hanno firmato l’appello per le dimissioni della Minetti.

La raccolta firme prosegue?

(Ride) Noi non ci fermiamo! Anzi, ora vorrei in qualche modo organizzare un incontro con i firmatari, una sorta di assemblea dove conoscersi di persona. Perché è bella la virtualità, ma credo che la crescita passi anche e soprattutto dal contatto personale.

Comunque, senza internet, tutto quello che stai facendo sarebbe inimmaginabile.

Sicuramente. Ma dovrò in qualche modo sfruttare il fatto di essere una ragazza nata nel 1986…

Pensi che alla fine Nicole Minetti si dimetterà dal suo incarico?

(Sara esita qualche secondo, poi risponde decisa) No, penso di noi. Ma noi non smetteremo di chiederlo.

Ad maiora. E auguri, Sara.

SE ANCHE LA MINETTI PENSA ALLE DIMISSIONI

La raccolta di firme per le dimissioni da consigliere regionale lombardo di Nicole Minetti, lanciata dalla giovane esponente del Pdl Sara Giudice, sara’ un’iniziativa solitaria ma forse ha qualche fondamento. Nelle carte spedite ieri dai pm alla Camera sono riportate infatti intercettazioni nelle quali la Minetti dice: “Io do le dimissioni, cioè sta roba e’ una roba che ti rovina la vita, ti rovina i rapporti, ti logora”.
L’igienista dentale del presidente, accusata di prostituzione minorile, da quel che emerge dalle carte, nelle ultime settimane si e’ smarcata da Berlusconi. Non va all’incontro con i di lui avvocati e a Barbara Faggioni confessa: “A lui fa comodo mettere te e me in Parlamento, perche’ dice: Bene, me le sono levate dai coglioni e lo stipendio lo paga lo Stato”.
Che nel qual caso saremmo noi con le nostre tasse.
Nicole Minetti per martedì e’ stata convocata dai giudici. E’ possibile che, esca dal percorso berlusconiano, e vada a farsi interrogare.
Scattera’ a quel punto la trasformazione da bruco a farfalla (e non falena)?
Ad maiora.