Nichi Vendola

“Una vera tragedia italiana”, come le tv hanno raccontato il caso Ilva di Taranto (tesi)

20131123-174915.jpg
La tesi di Domenico D’Alessandro tratta un tema diventato di stretta attualità in questi giorni, grazie alla malaugurata telefonata (intercettata) del governatore pugliese a uno dei collaboratori di Riva. L’elaborato (in discussione oggi alla Statale) di Milano è stato scritto mesi fa, ma tratta anche l’episodio al centro della richiesta di dimissioni per Nichi Vendola (scena per la quale è difficile trovare spunti di ilarità).
La tesi “Una vera tragedia italiana: come le tv hanno raccontato l’Ilva di Taranto” non si occupa dell’inquinamento di Taranto, ma di come è stato riportato dalle tv sia locali (come quella del giovane cronista cui fu strappato il microfono perché chiedeva conto dei tumori) sia nazionali.
Alcune emittenti locali sono state forse troppo silenti, vittime anch’esse dell’odioso ricatto occupazionale (lavoro/morte).
Quelle nazionali, troppo assenti in generale. Salvo encomiabili eccezioni, come quella delle Iene, che ha dato di fatto il là all’inchiesta, ma anche di Malpelo e del Tg1 che con Tv7 ha martellato costantemente sul tema salute.
Una tesi accurata e ben scritta da uno studente di origini tarantine, capace dii indagare (anche grazie a una serie di originali interviste ai protagonisti dei media) su una pagina ancora aperta della nostra storia.
Ad maiora

DA MARCHIONNE AL MARCIONE

 

XANGO E TI PORTO VIA

Non possiamo raccontarti perché nello scorso mese sono state consumate 43,314 (con la virgola, NdRisk) bottiglie in Italia. Pagina intera di pubblicità sul Corriere della Xango, che reagisce così ai provvedimenti dell’Autorità della concorrenza (che hanno fatto seguito a mesi di martellamento delle associazioni di consumatori). In puro stile Chicco Testa/nucleare, si invita a “farsi un’opinione personale” sul loro sito.

SI AVVICINA IL 2012. BIBLICO.

La pioggia di merli dagli Usa alla Svezia. Dopo l’Arkansas arriva in Europa la moria di uccelli. Come un flagello biblico. Titolo sul Corriere della sera del 6 gennaio 2011.

MAI TRESCHE A SINISTRA

“Mai avuto tesche con donne di sinistra, posso giurarlo. La mia ex moglie icona di quella parte politica? Su questo argomento mi astengo. Silvio Berlusconi intervistato da Signorini e citato da Repubblica.

MA UN VENDOLA STAREBBE CON LEI?

“Le parole di Silvio sono musica. Neanche io starei con un Vendola”. Daniela Santanché (Sottosegretario al Dipartimento per l’Attuazione del Programma del Berlusconi quater) al Giorno.

NUOVA RUBRICA DI MINZOLINI

“Al Tg1 rubrica sui giornalisti faziosi”. E’ bufera sulla proposta di Minzolini. Titolo de La Repubblica. Domani sarà su tutti i quotidiani.

SCARSEGGIA IL SALE PER EVENTUALI FERITE

Sale. Le scorte stanno finendo, caccia all’ex oro bianco. Pagina intera della mitica Cristina Nadotti su Repubblica.

NON SE NE HA BISOGNO PER SCIOGLIERE IL NANO

Amici sportivi, il nano ghiacchiato oggi si è sciolto”. Il miglior titolo sul ritorno di Dan Peterson è della rosea (che dedica addirittura tre pagine all’evento, non succedeva dagli anno Ottanta).

SE SEI TERRONE, TI TIRANO LE PIETRE

“Niente prestiti da Londra se non sei lumbard”. Il Senatur cita Ponzellini (Bpm) e ribadisce: “Milano è la capitale”. I banchieri: “Alla City valutano il Paese”. Due pagine su Il Giorno.

LADRI IN TRASFERTA

Gli scippatori di Napoli pendolari a Milano. Titolo de Il Giornale.

LA METAFORA DEI FUCILI

“Il Napoli fa paura e ci puntano i fucili”. Mazzarri scatenato sulla Gazzetta.

TITOLISTA AFFAMATO

Il Brescia ha Lanzafame di vittorie. Dal Giornale di Brescia.

ALTRO TRIPLETE PER SUPERMARIO?

Un’altra tripletta per Balotelli. Conteso (con lite) da tre ragazze. Titolo (un cicinin machista) della Gazza.

 MARCHIONNE !

Marchionne vende meno auto ma diventa sempre più ricco. Titolo del Fatto quotidiano.

MARCIONE!

Si chiama torrente Marcione. Lo è di nome e anche di fatto. Denunciato episodio di inquinamento a Garbagnate Monastero. Titolo immaginifico de La Provincia di Como.

TEMPO DI SALDI: LA FIOM ALLE CASSE?

Epifania, via ai saldi. Commesse in rivolta: “Sempre al lavoro”.  Titolo de La Provincia pavese.