Genova

Alle 18.30 aperitivo russo con Annaviva a Genova

Putin ha vinto le elezioni. Come sempre.
Ma qualcosa in Russia è cambiato.
In migliaia scendono in piazza per contestare brogli e un sistema di potere verticistico e corrotto. I tromboni (anche italiani, sempre attenti alla realpolitik) dicevano: è un movimento che interessa solo Mosca.
E ora, per smentire ogni luogo comune, la rivolta pacifica (un po’ rivoluzione arancione, un po’ primavera araba) si è spostata ad Astrakhan, 1300 chilometri a sud della capitale.
Il tutto grazie a internet e ai coraggiosi blogger e attivisti che hanno lanciato la mobilitazione per liberarsi di Putin e del suo clan.
AnnaViva ha seguito a Mosca le ultime due tornate elettorali e a breve sarà in Russia per la giornata anti-putiniana convocata per il 6 maggio, un giorno prima del ritorno di VV al Cremlino.
Su questo ci confronteremo in un aperitivo post-elettorale oggi alle 18.30 al Pasto di Varsavia di Genova ( via San Donato 13).
A tra poco!
Ad maiora

20120419-143804.jpg

Domani pomeriggio incontro sulla Russia a Genova

Putin ha vinto le elezioni. Come sempre.
Ma qualcosa in Russia è cambiato.
In migliaia scendono in piazza per contestare brogli e un sistema di potere verticistico e corrotto. I tromboni (anche italiani, sempre attenti alla realpolitik) dicevano: è un movimento che interessa solo Mosca.
E ora, per smentire ogni luogo comune, la rivolta pacifica (un po’ rivoluzione arancione, un po’ primavera araba) si è spostata ad Astrakhan, 1300 chilometri a sud della capitale.
Il tutto grazie a internet e ai coraggiosi blogger e attivisti che hanno lanciato la mobilitazione per liberarsi di Putin e del suo clan.
AnnaViva ha seguito a Mosca le ultime due tornate elettorali e a breve sarà in Russia per la giornata anti-putiniana convocata per il 6 maggio, un giorno prima del ritorno di VV al Cremlino.
Su questo ci confronteremo in un aperitivo post-elettorale al Pasto di Varsavia di Genova ( via San Donato 13), giovedì 19 aprile alle 18.30.
Vi aspetto.

Ad maiora

20120418-123203.jpg

FANGO SULLE MAGLIETTE. L’ALTRA FACCIA DELL’ITALIA

Ricevo dall’amica Emanuela questa lettera appello sul dopo alluvione ligure.
Come per dopo il terremoto aquilano (dove pure parecchi ridevano alle 3.32) anche in questo caso si è vista la faccia migliore del paese. La stessa che non fa quasi mai notizia.
Quella che – solo per fornire un esempio- ogni notte, 365 giorni l’anno, fa andare avanti migliaia di ambulanze.
Mostriamo a tutto il mondo anche l’Italia col “fango sulle magliette”.

Ad maiora.

…………..

Ciao a tutti,

come molti di voi sanno mi sono trovata in questi giorni, in maniera direi puramente casuale, a gestire una pagina di facebook che ha aiutato nel coordinamento di migliaia di volontari che hanno ripulito e stanno ripulendo la città di Genova dopo il drammatico disastro dell’alluvione.
La pagina è letteralmente esplosa in poche ore, tanto che se ne è parlato su diversi media, anche nazionali.
A noi non interessa che girino i nostri nomi, né tantomeno diventare delle star.
Ci fa piacere, però, che passi un’immagine positiva della nostra generazione e della risorsa che i social media rappresentano per riscattarci.
Per questo mi piacerebbe che qualcuno di voi, grazie al lavoro che fate, ci desse una mano a portare questa testimonianza anche fuori dall’Italia, che troppe volte all’estero è stata dipinta in maniera volgare o umiliante.

Se condividete il mio pensiero, contattatemi.

Grazie :-)

Emanuela
http://www.facebook.com/fangosullemagliette