Frontline Socialist Party

Presidio per chiedere la liberazione di due dirigenti del Fronline Socialist Party dello Sri Lanka

Ricevo e volentieri pubblico questo comunicato di Piero Maestri su una mobilitazione della comunità dello Sri Lanka a Milano.

Ad maiora.

………………………

A Milano, in piazza san Babila, un gruppo di cittadine/i dello Sri Lanka ha manifestato per chiedere la liberazione di Premakumar Gunarathnam e Dimuthu Attygalle, dirigenti del Frontline Socialist Party srilankese “scomparsi” due giorni fa a Colombo, quasi certamente sequestrati proprio poco prima dell’inizio dei lavori del congresso di fondazione del partito.

Premakumar è candidato alla carica di segretario del partito, mentre Dimuthu è la responsabile del settore femminile e delle questioni internazionali.

Non è la prima volta, nell’ultimo anno, che scompaiono dirigenti di quel partito o di altri movimenti di opposizione.

Il presidio ha voluto sollecitare una presa di posizione internazionale nei confronti del governo dello Sri Lanka affinché faccia tutto quanto necessario per restituire la libertà ai due dirigenti e garantire il rispetto dei diritti umani in Sri Lanka. Una richiesta diretta al governo italiano – perché si faccia promotore di un’iniziativa diplomatica – alle organizzazioni internazionali e alle forze politiche e sociali italiane.

Al presidio hanno portato la loro solidarietà – tramite collegamento telefonico – anche la delegazione italiana presente al Congresso (formata da Prc, Ufficio Immigrati della Cgil Brescia, Associazione Consumatori e Utenti) e Sinistra Critica direttamente.

È necessario tenere alta l’attenzione su questa vicenda, per garantire ai due dirigenti e a tutti gli attivisti scomparsi una soluzione rapida e positiva della vicenda.