Pensieri

Featured Image -- 16688

Ucraina, Russia, Mogherini e noi

Originally posted on ANNAVIVA.org:

Lo sconfinamento delle truppe russe in territorio ucraino dimostra quello che Annaviva va dicendo da anni: la Russia di Putin è l’erede diretta dell’Unione sovietica pre Gorbaciov.
Non avevamo bisogno delle foto dei satelliti-spia per sapere del coinvolgimento diretto dei militari del Cremlino fuori dal territorio della Federazione Russa. Dai tempi della rivoluzione arancione, risulta chiaro che Putin considera l’Ucraina (come la Georgia, la Moldova e altri stati ex sovietici) niente più che il giardino di casa del Cremlino. Sono paesi autonomi, possono scegliere liberamente il loro destino. Solo se è lo stesso designato per loro dal Cremlino…
Anna Politkovskaja era stata facile profeta. Aveva immaginato che Putin avrebbe utilizzato la Cecenia come cartina di tornasole. Se nessuno avesse detto nulla, si sarebbe sentito legittimato ad andare avanti. In patria e all’estero. Proprio Anna era solita dire: “Ogni volta che un capo di stato europeo stringe la mano a Putin…

View original 140 altre parole

IMG_2747.JPG

Maestro zen

9 marzo 2000, Bisnar. Ieri sera mi ha colpito il cielo. Uscendo da cena alle otto, nel buio più completo della luna nuova, m’è parso che non lo avevo mai visto così pieno di stelle e che non m’ero mai veramente meravigliato della sua bellezza. Il cielo stellato è davvero una cosa inusitata e noi abbiamo perso gli occhi per guardarlo.
Stamattina, un piccolo uccellino grigio con delle penne rosse e nere e una bella crestina di penne nere viene sul mio piede e di mette a tirar via fili di lana, parte, torna e sta sul mio piede senza paura, senza esitazione e si riempie il bello della mia bella lana dei miei grossi calzini per il suo nido.
Vivek mi tiene la mano, siamo estasiati.
“Siamo diventati così indifferenti alla natura, così indifferenti alla vita!” dice, e gli viene in mente la storia del maestro zen che al tramonto sta per cominciare il suo sermone con tutti i discepoli allineati davanti a sé quando un uccellino si posa sul davanzale della finestra aperta. Si guarda attorno, si mette a cantare per un mezzo minuto e riparte.
“Per oggi il sermone è finito” dice il maestro zen.

Tiziano Terzani, Un’idea di destino. Diari di una vita straordinaria, Longanesi, Milano, 2014

Milano, presentazione di Operazione Idigov

Originally posted on ANNAVIVA.org:

operazione idigovL’11 settembre si presenta a Milano “Operazione Idigov, come il partito radicale ha sconfitto la Russia di Putin alle Nazioni Unite” di Marco Perduca (introduzione di Emma Bonino). La presentazione, a cui parteciperanno Marco Cappato, presidente del gruppo radicale – federalista europeo e consigliere del comune di Milano,  Andrea Riscassi, giornalista della Rai e tra i fondatori dell’associazione AnnaViva e Christian Rocca, direttore di IL, il mensile del Sole 24 Ore, avverrà in uno spazio inconsueto: Homemade 54 (viale Abruzzi 54, Milano). È necessaria la prenotazione.

Il costo dell’incontro è di 12 euro che comprende anche l”aperitivo, qualche stuzzichino e un piatto forte. Con altri 10 sarà possibile acquistare il libro.

Appuntamento l’11 settembre al locale Homemade 54 di Milano!

View original

Featured Image -- 16670

Proteste anti Putin, condannati 4 manifestanti

Originally posted on ANNAVIVA.org:

Il tribunale distrettuale Zamoskvoretskij di Mosca ha giudicato colpevoli di “disordini di massa” quattro imputati nel controverso processo per il caso Bolotnaja, la piazza dove nel maggio 2012 una manifestazione autorizzata contro il ritorno di Putin al Cremlino è finita in pesanti scontri tra i dimostranti e la polizia. Come riportano le agenzie, secondo i giudici i quattro hanno “deliberatamente” agito per turbare l’ordine pubblico.

Quattro condannati - Sul banco degli imputati vi erano Aleksei Gaskarov (condannato a 3 anni e mezzo di detenzione), Ilya Gushchin (2 anni e mezzo); Aleksandr Margolin (3 anni e mezzo) e Elena Kokhtareva, condannata a 3 anni e 3 mesi e a cui è stata concessa la sospensione della pena. L’anno scorso AnnaViva aveva aderito alla mobilitazione internazionale organizzata dal 17 al 23 giugno per chiedere la libertà degli imputati(VIDEO). La difesa, intanto, ha già promesso di opporsi alla sentenza…

View original 173 altre parole

Capitano

Conoscere

A scuola ascoltai a fondo le lezioni. Mi accorsi di com’erano importanti le cose che imparavo. Era bello che un uomo le metteva davanti a un’assemblea di giovani seduti, che avevano uno slancio nell’ascolto, nell’afferrare al volo. Bella un’aula in cui stare per conoscere. Bello l’ossigeno che si legava al sangue e che portava in fondo al corpo il sangue e le parole. Belli i nomi delle lune intorno a Giove, bello il grido “Mare, mare” dei greci alla fine della ritirata, bello il gesto di Senofonte di scriverlo per non farlo smettere. Bello pure il racconto di Plinio sul Vesuvio esploso. Le loro scritture assorbivano le tragedie, le trasformavano in materia narrativa per trasmetterle e così superarle. Entrava luce in testa come ne entrava in aula.

Erri De Luca, Il giorno prima della felicità, Feltrinelli

Putin dà il via alle trivellazioni nell’Artico

Malgrado le pressioni di Greenpeace (seguite ad arresti di tutti gli attivisti, condannati e liberati poi, tra mille imbarazzi) e le sanzioni internazionali, il presidente russo, in diretta tv, annuncia che le esplorazioni petrolifere nell’Artico proseguono. A gestirle una joint venture russo-americana (il petrolio, evidentemente non puzza): ExxonMobil da una parte, Rosneft dall’altra.

Dice Putin che “la piattaforma petrolifera Alpha sta iniziando perforazioni esplorative nel Mar di Kara. Si tratta di una grande impresa”. E aggiunge: “Nel mondo moderno, il successo commerciale dipende in gran parte efficace cooperazione internazionale La comunità imprenditoriale, tra cui grandi aziende dalla Russia e all’estero, è consapevole di che, nonostante sconvolgimenti politici, prevalgono approccio e il senso comune, e questo è molto incoraggiante. questo è ciò che noi chiamiamo un atteggiamento economicamente responsabile ed è solo questo tipo di atteggiamento che può essere produttivo”. Business is Business, dicono i suoi amici americani.

Per capire i danni delle perforazioni nell’Artico, leggete qui.
Sintetizzati in questo video:

Ad maiora