Author: Andrea Riscassi

Sono nato nel 1967 e sono giornalista della Rai di Milano. Ho una laurea in Giurisprudenza (Statale di Milano) e ho iniziato la mia "carriera" prima a Società Civile, poi al Corriere della Sera per approdare in televisione nel 1991, dapprima a Lombardia7, poi alla Rai, dove ora sonocaposervizio alla Tgr Lombardia. Ho collaborato con Gianni Riotta ed Enrico Deaglio a “Milano, Italia” e con Enzo Biagi a “Il Fatto”. E sono stato uno degli intervistatori di “Dodicesimo round” (Rai Due). LIBRI: Ho curato (con Paolo Costa) Al nostro posto, antologia di scritti di Piero Gobetti (Fuorionda, 2013), “Anna è viva, storia di una giornalista non rieducabile” (Sonda, 2009), “Bandiera arancione la trionferà” (Melampo, 2007). RICONOSCIMENTI: Dal 2006 sto cercando di tenere viva la memoria di Anna Politkovskaja. Per questo impegno nel 2008 sono stato insignito della medaglia d’oro della Provincia di Milano e del premio giornalistico Mario Borsa del Comune di Somaglia. DOCENZE: Dal 2009 sono tutor per la Formazione Tv presso la Scuola di giornalismo Walter Tobagi dell’Università degli studi di Milano. Dall’anno accademico 2011/2012 insegno Teorie e tecniche della comunicazione radio-televisiva alla Facoltà di Lettere e filosofia dell’Università degli studi di Milano.

Aereo abbattuto, fiori e candele davanti all’ambasciata olandese di Kiev

Una folla, incredula, partecipa al dolore per le quasi 300 vittime causate da un missile terra aria, sparato prima che il volo delle Malaysia Airlines varcasse il confine aereo russo.
Ad maiora

L’aereo abbattuto nell’Ucraina orientale (video amatoriali)

Non ci sono superstiti nel volo della Malaysian Airlines (sembra abbattuto da un missile) al confine tra Ucraina e Russia.
L’esercito di Kiev ma anche gli anti-governativi negano di essere stati loro.
295 i morti.

Ad maiora

Suonando il didgeridoo sul Lago di Como

L’esibizione di Flavio Pozza col suo didgeridoo, strumento musicale degli aborigeni australiani ricavato dall’eucalipto.
Il tutto a margine di una serata dedicata all’Australia al Lake Como Film Festival 2014, dietro il Teatro Sociale di Como.
Ad maiora

20140716-191800-69480393.jpg

Józu desu ne!

I giapponesi amano profondersi in elogi inutili a favore degli occidentali. Se un occidentale riesce a mangiare con i bastoncini, loro gli fanno i complimenti per l’eccellente coordinazione oculomanuale; se riesce a intercettare un pop fly debole nel campo di sinistra, riceverà elogi per la su abilità sportiva; se impara a dire ciao in giapponese, verrà lodato per la pronuncia fluente e così via. La frase ricorrente in questi casi è józu desu ne!, che significa: “Ehi amico, sei proprio bravo!”, ma che si potrebbe tradurre in: “Niente male, per mio così scemo”.
L’esempio più rappresentativo del significato di józu desu ne! è il modo in cui la mia vicina di casa insegnò al figlio di cinque anni ad andare in bicicletta. Fregandosene delle rotelle lo piazzava su una bici e lo spingeva giù per il via letto d’accesso, dove lui capitombolava inesorabilmente andandosi a schiantare contro un albero oppure sbanda a e cadeva faccia a terra. Dopo poche lezioni, il bambino era ridotto a uno straccio, le ginocchia sbucciate e i gomiti ammaccati. Lui però continuava a provarci, ogni volta tirando su col naso per soffocare le lacrime. Comodamente seduto al tavolo della cucina a sorseggiare caffè, mi divertii per ore a osservare i progressi del piccolo Taro. Applaudivo le sue cadute più acrobatiche. Ogni volta che ripartiva alla carica, sua madre non mancava mai di urlargli – nei brevi istanti in cui riusciva a mantenere il controllo – “Józu desu ne!”. Dopodiché si schiantava. E poi di nuovo. E ancora. Ogni volta che qualcuno in Giappone loda il mio livello di padronanza della seconda lingua esclamando “Józu desu ne!”, ripenso al piccolo Taro sulla bicicletta, lanciato senza controllo verso il disastro. Così mi mantengo umile.
Will Ferguson, Autostop con Buddha, Feltrinelli, 2007