Da Camilla a Nadia, le icone (femminili) della rivolta

Donne, giovani, carine, con occhi magnetici e senza paura del potere.
Sono queste le icone che bucano il muro dei media, che entrano nell’immaginario collettivo mondiale.
Come la cilena Camilla Vallejo (leader del movimento studentesco di Santiago) e la russa Nadia Tolokonnikova (la Pussy Riot del “No Pasaran!”).
Se siete minatori neri del Sud Africa e vi sparano contro, vi dimenticheranno prima che il vostro sangue vi si sarà seccato nelle vene…
Ad maiora.

20120819-194638.jpg

20120819-194645.jpg

About these ads

One comment

  1. i media informano a modo loro e danno le notizie che gli pare. Tutto diventa “icona”, ….ma spesso l’icona scade a “personaggio da gossip”. Ad esempio a cosa serve parlare di Camila se non si ha presente la situazione dell’educazione secondaria in Cile? Quanti giornali riportano le rivendicazioni degli studenti, le occupazioni e la repressione di questi giorni? La terra è piena di violenze e ingiustizie e dobbiamo stare sempre più in guardia per sconfiggere indifferenza e disinformazione e per restare umani. Ci sono molti posti dove i morti non fanno notizia. Anche i Mapuche morti in difesa delle loro terre non mi sembra purtroppo che abbiano suscitato molto interesse nella stampa…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...