Giorno: 17 agosto 2012

#FreePussyRiot. In tanti al presidio milanese

Più gente di quanta ne potessimo aspettare il 17 agosto a Milano.
Tante e tanti arrivati in via Dante seguendo il tam-tam di internet.
Tutti in solidarietà con le Pussy Riot condannate a due anni di colonia penale, senza condizionale.
Questo il video che abbiamo realizzato:

Grazie a tutti coloro che hanno partecipato. E grazie ai colleghi che hanno coperto la manifestazione.
A tal proposito questo è il take dell’agenzia Ansa:

RUSSIA: PUSSY RIOT; A MILANO SLOGAN IN RUSSO E BALACLAVA

(ANSA) – MILANO, 17 AGO – Si è tenuto oggi pomeriggio a Milano, in via Dante, un sit-in di un’ora e mezza a sostegno delle Pussy Riot, il trio punk giudicato a Mosca colpevole di teppismo motivato da odio religioso. I manifestanti hanno più volte

20120817-223413.jpg

Non hanno dimenticato Madonna

Un gruppo anti-gay la denuncia e chiede 10 milioni di dollari per il suo (bel) discorso di San Pietroburgo:

http://www.itv.com/news/update/2012-08-17/anti-gay-russian-activists-sue-madonna/

Dopo aver bruciato la sua icona, magari vogliono dare fuoco anche a lei…
Ad maiora

20120817-222925.jpg

Condanna per le Pussy Riot, “teppiste che odiano la religione”

“Hanno terrorizzato i fedeli con la loro “preghiera punk”, hanno gravemente violato l’ordine pubblico, hanno insultato Putin e il Patriarca Kirill, sono state blasfeme insultando Dio. Il tutto filmando e mandando in rete le immagini per rendere il tutto il più pubblico possibile”, queste in pillole le motivazioni della sentenza che le ha condannate a due anni di carcere.
La lettura del dispositivo contro le Pussy Riot è durata ore. Per cercare di spiegare che le tre ragazze non ce l’avevano con Putin ma con la Chiesa.
Una balla colossale visto che il gruppo punk rock aveva già manifestato più volte contro il regime putiniano.
Ma per evitare l’accusa di una sentenza politica i giudici russi (notoriamente indipendenti dal potete politico) hanno pensato di non considerare le motivazioni politiche del gesto, concentrandosi solo su quelle religiose. Non assenti visto che il concerto punk si è svolto nella principale cattedrale moscovita. Ma l’appello alla Vergine Maria era quello di “liberarci da Putin”.
E infatti la condanna per teppismo motivato da odio religioso suona comunque risibile. Le Pussy Riot sono a tutti gli effetti prigioniere di coscienza.
Le tre ragazze, ormai protagoniste dell’immaginario globale, in manette, sotto l’occhio delle telecamere, hanno sorriso e scosso la testa, durante la lettura della sentenza di condanna.
Ma non hanno mai mostrato paura.
Hanno vinto loro.
Il regime putiniano si è coperto di ridicolo in tutto il mondo.
Fuori dal tribunale, per dimostrare che la repressione contro le Pussy Riot è solo la punta dell’iceberg delle tirannia, sono state fermati numerosi pacifici manifestanti. Tra loro due leader dell’opposizione, Kasparov e Udaltsov.
Alle 17 presidio di Annaviva a Milano, in via Dante.
Ad maiora

20120817-155403.jpg

Sotto scorta i giudici delle Pussy Riot

Il regime putiniano si rende sempre più ridicolo, mettendo sotto scorta i giudici che oggi pronunceranno la sentenza contro le tre ragazze imputate per un concerto punk in chiesa:

http://www.rferl.org/content/pussy-riot-judge-given-protection/24678911.html

Inutile ricordare che ad Anna Politkovskaja, minacciata e avvelenata, nessuno assegnò mai neanche un poliziotto per seguirla. O forse sì…

Ad maiora