La curva del Genoa e la piccola Norimberga

L’ondata di sdegno moralista seguita a Genova-Siena mi fa un po’ sorridere. Il perbenismo schiera tutti dalla stessa parte. Sul Corriere, uno degli indignati pezzi cita persino l’alluvione su Genova, quasi a imputare alle curve anche questo.
Gli ultrà sono un ottimo capro espiatorio di un sistema (sportivo, ma non solo) che fa acqua da tutte le parti.
Nell’epoca delle società (anche sportive) secolarizzate, la maglia è un simbolo. E quel chiedere (anzi, imporre con la forza) ai giocatori di togliersela, è una specie di attestazione di proprietà. Di chi sono le squadre di calcio? Dei presidenti (spesso imprenditori a rischio bancarotta)? Dei soci (i board sono a volte impresentabili, la Juve è ancora parzialmente libica, l’Inter raffina e il Milan va be’)? Dei giocatori (che cambiano casacca ogni due mesi e arrivano anche a vendere i derby)? O dei tifosi?
Di questi ultimi gli ultrà si sono autonominati portavoce. Sono d’altronde gli unici organizzati e con seguito, popolare e giovanile.
Per evitare che disturbassero il meccanismo socio-economico che sta intorno al pallone, in questi anni le società li hanno spesso assecondati. Anzi, hanno assecondato i capi della curva. Che però, come ieri, ogni tanto esce dai binari.
Scatenando l’irritazione nazionale.
È la tv che comanda in campo. Che decide orari, impegni, ritmi. Che causa persino gli infortuni.
Ma è più semplice dare la colpa agli ultrà. Quelli che vivono per il calcio. Che a questo dio sacrificano tutti i fine settimana.
Un dio ingiusto e squilibrato che vende a metà campionato i suoi gioielli per far cassa (un anno fa la Samp, ora il Genoa). In Usa, patria del liberismo, gli acquisti sono regolati da regole: è la squadra più debole a prendersi i giocatori migliori.
Ma d’altronde siamo in Italia. Dove il Verona vinse l’unico scudetto in cui venne fatto un vero sorteggio per l’assegnazione degli arbitri. Poi mai più ripetuto.
Pensavo infine: se – seguendo l’idea della piccola Norimberga di Grillo – si imponesse ai politici di uscire dal campo consegnando qualcosa che “ci appartiene” cosa chiederemmo?
I vestiti firmati?
Le barche?
Gioielli e lingotti?
O il sogno di un paese migliore, quello per cui 67 anni fa migliaia di ragazzi sacrificarono la loro vita?
Ad maiora

20120423-105951.jpg

About these ads

4 comments

  1. Senza ombra di dubbio la più lucida e interessante analisi su quel che è accaduto a Genova. Non condivido la riduttiva battuta sul Verona, ma per il resto apprezzo soprattutto il fatto di non aver voluto banalizzare il tutto ad un fatto di ordine pubblico (cosa che assolutamente non è). Quello di Genoa è un corto circuito vero e proprio del sistema e mi fa sorridere la lettura generale dei giocatori spogliati e umiliati. PS: sulla Juve ti voglio solo precisare che la quota libica è congelata all’incirca da un anno e mezzo, solo per precisione, non certo per sminuire il significato di una tale partecipazione che oggi, ma solo oggi, è diventata pietra di scandalo (del resto chi è causa del suo mal…).

  2. Lucida e onesta opinione su quello che (essendone parte) gli ultrà subiscono ogni domenica. I tifosi genoani, seppur con metodi a volte estremi, hanno fatto ciò che ogni curva italiana avrebbe fatto. Vengono definiti “delinquenti” quando sono stati i primi a rimettere in sesto la città dopo l’alluvione. Forme di protesta del genere ci sono ovunque: l’hanno fatto i tifosi del Torino anni fa, quelli dell’Inter anni fa, quelli della Sampdoria l’anno scorso e tante altre tifoserie, come la mia con cui, quando è possibile, giro l’Italia per sostenere la mia squadra. Le squadre deludono, i giocatori si vendono o ci illudono di avere nel cuore la maglia, i presidenti ci abbandonano: quello che conta sono solo i soldi, il business e le televisioni. Ecco perchè l’unica parte sana di questo calcio malato e ricco siamo noi, le curve, i tifosi dove l’unica cosa che non venderemo e venderanno mai sarà la passione per i nostri colori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...