ALLA MEMORIA DI ANNA POLITKOVSKAJA IL PREMIO SPIGA D’ARGENTO

Questa mattina la città di Battipaglia e la Federazione italiana donne (Fidapa) consegnano il premio Spiga d’Argento “per la cooperazione, la solidarietà, l’amicizia e la pace tra i popoli” alla memoria di Anna Politkovskaja (ritira il premio la figlia Vera).

A seguire un dibattito al quale intervengono il giornalista Giorgio Fornoni e Marina Davydova dell’associazione Annaviva.

Queste le righe di saluto che verranno lette durante l’incontro.

———————–

Cari amici di Battipaglia, grazie dell’invito che avete voluto fare all’associazione Annaviva per questa importante manifestazione che avete organizzato.

Io, impegnato a seguire le altrettanto importanti elezioni milanesi, non potrò essere tra voi, ma Marina Davidova che legge queste mie righe è lì per rappresentare tutta l’associazione. Nata non solo per commemorare la figura di Anna Politkovskaja ma per impedire che la sua morte non sia arrivata invano.

Quando nell’ottobre del 2007 organizzammo la prima manifestazione pubblica “per non dimenticare” Anna e il suo sacrificio eravamo certi che nessuno in Italia l’avrebbe dimenticata. Nessuno avrebbe potuto scordare quella coraggiosa donna che, armata solo della sua penna, sfidò (non con l’ideologia, ma semplicemente raccontando i fatti che vedeva) la Russia di Putin.

Giova ricordare che mentre Annaviva, che ancora non si chiamava così, parlava dell’omicidio di Anna al Circolo della Stampa di Milano, altissimi rappresentanti della politica del nostro Paese volavano in Russia per festeggiare il compleanno di Vladimir Putin, che cade nella stessa data dall’assassinio della Politkovskaja.

Noi ne eravamo certi allora come ne siamo certi ora: il fatto che abbiano dovuto ucciderla per metterla a tacere è lì a dimostrare la debolezza di un regime che non l’ha protetta mentre era in vita e non si è disturbato di assicurare alla giustizia non solo chi ha premuto il grilletto ma, ovviamente, nemmeno chi ha ordinato di ammazzarla nell’ascensore di casa sua.

Anna non è stata purtroppo l’ultima a pagare con la vita il suo impegno.

Due anni fa nel Caucaso è stata rapita e uccisa una sua amica, giornalista come lei e come lei attiva nella difesa dei diritti umani. Nemmeno per Natalija Estemirova (che Annaviva ha ricordato qualche sera fa a Milano) è stato arrestato il killer, malgrado le promesse (politiche e propagandistiche) del presidente Medvedev. Figuriamoci i mandanti. Per quanto mi riguarda considererò Dmitrij Medvedev un uomo nuovo quando solleverà dall’incarico di presidente della Cecenia quel Ramzan Kadyrov che, come Anna, mi auguro un giorno sarà processato da un Tribunale interazione sui crimini contro l’umanità commessi nel Caucaso.

Lì con voi ci sono Vera, figlia di Anna che meritoriamente continua a parlare di sua madre ovunque la invitino e l’amico Giorgio Fornoni (giornalista più di tanti che conosco) che Anna ha avuto la fortuna di conoscere e intervistare. Entrambi vi sapranno, molto meglio di me, raccontare quel che è accaduto e che accade.

Mi congedo da voi con una riflessione sul futuro.

Il prossimo anno in Russia si tornerà a votare, per le elezioni presidenziali. Non so se e come si scioglierà il contrasto tra Putin e Medvedev.

Ciò che so è che la talpa della storia non si ferma. Continua a scavare anche se non si vede. E che i cicli politici hanno una vita e una morte. Quindi non disperiamo e aspettiamo che le cose migliorino. Sempre tenendo alta la bandiera di quanti sono caduti per difendere la loro e la nostra libertà.

Grazie. E come dico sempre,

Ad maiora

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...