Day: 22 settembre 2010

DOVE TI “COSTRUISCO” IL RISTORANTE? NEL PARCO!

Hanno cominciato in piazza del Cannone, proprio dietro il Castello Sforzesco. In fondo quel grande spiazzo sembrava fatto apposta per ospitare manifestazioni. Ed erano per lo più eventi sportivi: finta pista da sci et similia.
Poi si sono allargati, piano piano. Ricordo campi di beach volley, con quintali di sabbia, portati da decine di camion, fin sotto l’Arena. Il tutto in uno dei pochi polmoni verdi di Milano.
Il Parco Sempione, un tempo, era il regno degli spacciatori. Si andava a comprare il fumo. Ora la coca la vendono in corso Como e il parco, grazie a telecamere, vigili e cancelli, e’ stato “ripulito”.
Bene, direte voi. Più verde per i bambini e per chi vuole stare in mezzo alla natura. Eh, magari.
Da qualche tempo la Milano commerciale ha fagocitato anche questo angolo di verde. Provate a passarci in queste ore: ospita “il più grande ristorante all’aperto”, nel cuore della città, anzi, nel verde della città.
Cercate di andare a correre, evitando tendoni, camion e motorini (a proposito, leggo spesso di assessori che fanno jogging da quelle parti; io non li ho mai incontrati, ma spero che un giorno succeda, perché solo se danneggiati direttamente reagiscono – se ad esempio aspettassero per venti minuti il 14, sono certo passerebbe più spesso).
Provate ad andare ora coi bambini sui prati: sono tutti off limits, chiusi da cancelli provvisori. Il prossimo week end li porteremo a scorrazzare sull’asfalto, in modo che si abituino fin da piccini.
Che dire? Speriamo piova sui tendoni…
Ad maiora.